Beni Librari - amalfi-online

Vai ai contenuti

Menu principale:

Beni Librari

 

Sono beni librari le raccolte librarie delle biblioteche dello Stato, delle regioni, degli altri enti pubblici territoriali, nonché di ogni altro ente e istituto pubblico:
a) i volumi manoscritti di particolare importanza per antichità, valore paleografico, storico, letterario, scientifico, artistico;
b) i documenti relativi alla produzione letteraria e delle altre opere dell'ingegno anche in ordine alle persone e all'ambiente, ivi compresi gli autografi, i carteggi, gli inediti, i lavori preparatori;
c) gli incunamboli, i libri rari, i libri di pregio;
d) le incisioni, le carte geografiche, i manifesti, il materiale filatelico, le fotografie;
e) le legature di particolare pregio documentario o artistico; "
I beni librari a loro volta si possono dividere:
Libro antico: possiamo genericamente intendere quello prodotto dopo l'invenzione della stampa a caratteri mobili, intorno agli anni quaranta del Quattrocento e fino ai primi decenni dell'Ottocento, quando la macchina continua per la produzione della carta, la macchina piana da stampa, la rotativa e la monotype trasformarono la produzione del libro in un processo quasi esclusivamente meccanico, da qui in poi nasce il Libro moderno.


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu